Questo sito utilizza i cookies per analizzare la navigazione dell'utente. Se continui a navigare o chiudi questa notizia, ne accetterai l'uso.

Progetto Life+ AGRICARE Innovative Green Farming

CAORLE 18 NOVEMBRE: "PAN EUROPE” IN VISITA A VALLEVECCHIA

La famosa rete europea in difesa della biodiversità alla scoperta dei progetti innovativi attuati dall’azienda di Veneto Agricoltura, e per questo finanziati dall’Unione Europea, che garantiscono ambiente, salute e reddito all’agricoltore.

PAN Europe (Pesticide Action Network) venerdì 18 Novembre (ore 10:00 -12:00) ha invitato la propria rete, composta da più di 600 organizzazioni non governative, istituzioni e persone fisiche in più di 60 paesi nel mondo, a visitare l'azienda agricola pilota e dimostrativa Vallevecchia (Caorle, VE) di Veneto Agricoltura, l’Agenzia della Regione per l'Innovazione nel Settore Primario e Forestale. L’invito di PAN Europe indica che a Vallevecchia si sperimentano procedure e protocolli innovativi per l’agricoltura sostenibile anche attraverso progetti europei come i LIFE+: AGRICARE, HELPSOIL, WSTORE2. Vallevecchia è l'unica azienda in Europa su cui operano in contemporanea tre progetti LIFE.

Per tutti sarà possibile essere aggiornati in aula sulle attività in corso e future e visitare le sperimentazioni, anche nel pomeriggio su richiesta. Fondata nel 1982, PAN Europe promuove progetti e campagne per minimizzare gli effetti negativi dei pesticidi con soluzioni ecologiche e rispettose dell’ambiente. La sua rete coinvolge tutti gli stakeholder che sono interessati a portare avanti le sue idee, dai cittadini alle organizzazioni ambientali, ai sindacati e alle associazioni agricole di categoria. Lo scopo principale è quello di eliminare la dipendenza dai fitofarmaci chimici e favorire metodi di controllo delle avversità alternativi all’uso dei fitofarmaci stessi.

Vallevecchia, secondo PAN Europe, è un ottimo esempio di sperimentazione innovativa tramite i cosiddetti “protocolli aperti”, con la dimostrazione che non è sempre necessario, per raggiungere buoni risultati tecnici ed economici, utilizzare i trattamenti con i fitofarmaci; infatti l’applicazione di procedure innovative a basso impatto ambientale e rispettose della biodiversità e l’introduzione di nuovi sistemi – fondi mutualistici – possono garantire il reddito degli agricoltori, persino in caso di avversità atmosferiche.

Per iscrizioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare il n. 049/8293899.